Madagascar – Gibuti

Madagascar
17 Aprile 2019
Modello spedizione e conferenza
17 Aprile 2019

Madagascar
Gibuti

Squalo Balena

Durante la spedizione didattica in Madagascar i partecipanti guidati dal Team del CSS effettueranno snorkeling per osservare direttamente gli squali balena, le tartarughe marine, la barriera corallina e visitare, raggiungendola in piroga, la foresta primaria di Nosy be, contribuendo alla raccolta dati. In Madagascar il supporto logistico è fornito dal Manta Diving di Nosy be, con il quale il CSS ha siglato un Partnership Tecnico-scientifica.

A Gibuti la Spedizione crociera didattica, si svolgerà nella baia di Ras Korali usufruendo dell’imbarcazione “Elegante” che ospiterà il team per tutta la durata della Crociera e verranno effettuate oltre all’attività di snorkeling per il riconoscimento degli squali balena, anche un paio di immersioni con bombole per brevettati almeno open, nella barriera corallina.

PROSSIME SPEDIZIONI IN PROGRESS:

  • 2020 GENNAIO GIBUTI

Immagini




Approfondimento



Gli Squali balena (Rhincodon typus) sono planctofagi panoceanici che sono stati descritti per la prima volta da un esemplare catturato nell’Oceano Indiano occidentale nel 1828 (Smith, 1828), l’apparato filtrante del R. typus è diverso da quello degli altri squali filtratori. Lo squalo balena è in grado di nutrirsi per aspirazione, che può consentire loro di predare organismi più mobili e quindi sono più adatti alle dense aggregazioni di zooplancton, mentre lo Squalo elefante Cetorhinus maximus e Megachasma pelagios, sono apparentemente in grado di nutrirsi con prede a densità inferiori, filtrando grandi volumi d’acqua (Taylor et al., 1983).  Gli squali balena possono essere identificati in modo univoco grazie a macchie e spot presenti sulla loro pelle, l’area posteriore alla quinta fessura branchiale è particolarmente adatta a questo scopo (Arzoumanian et al., 2005).

Sono conosciute 2 popolazioni di Squali balena che vivono prevalentemente nell’area Indo pacifica e nell’Oceano Atlantico, possono raggiungere i 18-20m di lunghezza e pesare decine di tonnellate, raggiungendo tardivamente la maturità sessuale. Sono stati oggetto di intensa pesca, sono attualmente protetti dalla Convenzione CITES che ne vieta la pesca ed il loro numero è calato drasticamente negli ultimi decenni.

Assembramenti di giovani sono presenti lungo le coste di vari paesi come Madagascar, Gibuti (Micarelli et al 2017) etc, mentre gli adulti preferiscono generalmente restare al largo.

Video